Vanda Bonardo

Home » biodiversità » Nevediversa 2013

Nevediversa 2013

contatti

1-202-555-1212
Lunch: 11am - 2pm
Dinner: M-Th 5pm - 11pm, Fri-Sat:5pm - 1am

Nevediversa 2013

Tante le iniziative di Legambiente per riscoprire le Alpi d’inverno senza sci:

dall’eco-weekend sulle Dolomiti Bellunesi all’escursione tra i villaggi della Muggiasca

“Serve un nuovo modello di turismo invernale a impatto zero e di qualità”

 

Stilato il decalogo di dieci punti per una montagna sostenibile

1(18)
Riscoprire e vivere le Alpi abbandonando gli sci, le piste e gli impianti, perché esistono tanti altri modi più ecosostenibili per apprezzare la montagna d’inverno. Ciaspolate o nordicwalking tra sentieri innevati, trekking all’interno delle aree protette, oppure escursioni urbane tra i paesini di montagna gustando, tra una tappa e l’altra, i piatti locali. È quanto propone Legambiente con Nevediversa, l’appuntamento invernale della Carovana delle Alpi per presentare un nuovo turismo invernale a impatto zero e denunciare le aggressioni perpetrate ai danni dell’ambiente montano. Anche quest’anno sono tante le iniziative organizzate dai circoli di Legambiente in tutto l’arco alpino: dall’eco week-end sulle Dolomiti Bellunesi con ciaspolata e cena a base di bio-pizza, alla passeggiata tra i villaggi della Muggiasca, per arrivare alla ciaspolata serale in Val di Mello. L’obiettivo è quello di sensibilizzare cittadini e vacanzieri su questi temi. Per l’occasione l’associazione ambientalista ha stilato anche un decalogo di dieci punti per chi frequenta le località montane.

“Il turismo invernale – dichiara Vanda Bonardo, responsabile Alpi Legambiente – deve rinnovarsi. Ogni anno sulle Alpi vengono spesi centinaia di milioni di euro per ammodernare impianti e piste da sci, centinaia di milioni che producono spesso gravi danni ambientali in aree vulnerabili e di grande pregio naturalistico. Per realizzare nuove piste occorre abbattere foreste, spianare pascoli e torbiere, oltre che consumare grandi quantità di acqua e energia. Ma sciare in  pista non è l’unica cosa che si può fare in montagna. Per questo con Nevediversa vogliamo sostenere un’offerta turistica alternativa che non aggredisca il patrimonio naturalistico delle zone montane, ma al contrario ne faccia un punto di forza. In questo senso diventa strategico il ruolo che svolgono i luoghi per le loro caratteristiche di unicità e bellezza che esprimono”.

Tra le iniziative di Nevediversa, questo week-end 2 e 3 marzo l’appuntamento è in Val di Mello con una ciaspolata serale e cena a San Martino. Domenica sono poi in programma le passeggiate sulla neve nella foresta regionale dei Bagni di Masino. Altro appuntamento è l’eco week-end sulle Dolomiti Bellunesi: sabato ritrovo e pernottamento al Centro di Educazione Ambientale di Legambiente a Lamon (BL) e cena a base di bio-pizza. Invece domenica al via l’escursione sulle Vette Feltrine con partenza alle ore 8 per Passo Croce d’Aune e arrivo al Rifugio dal Piaz. In località Branchetto – Bosco Chiesa Nuova (VR), sempre nel primo week-end di marzo, ci sarà una ciaspolata tra gli alti pascoli della Lessinia e poi un incontro conviviale presso il Rifugio Branchetto. Invece a Camaggiore (LC) è in programma un’escursione tra i villaggi della Muggiasca: Vendrogno, Noceno, Camaggiore e San Grato. A Ornica (BG) sabato 9 marzo è stato organizzato un convegno su “Energia in montagna”, a seguire una cena con i prodotti tipici della valle. Domenica 10, ciaspolata nella Valle d’Inverno. In Valle D’Aosta, l’appuntamento è il 10 marzo per un’escursione a Saint Barthélemy (NUS) con destinazione l’Alpe Tsa de Fontaney.

Infine per ricordare quanto sia importante mantenere uno stile ecosostenibile anche in montagna e saper valutare gli eventuali rischi, Legambiente ha redatto un decalogo di dieci punti. Dieci consigli pratici da non dimenticare come ad esempio scegliere sempre un percorso adatto alla propria preparazione; affidarsi ad un professionista o ad un conoscitore della zona; consultare il bollettino meteo prima di partire; curare con attenzione il proprio equipaggiamento dai vestiti al pranzo al sacco. Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti ad alta quota, è importante avere sempre con sé un sacchetto dove poter mettere l’immondizia prodotta e se si portano succhi di frutta, occorre eliminare il cartone del packaging. Inoltre Legambiente ricorda che, anche se nei parchi e nei rifugi si trovano bidoni per i rifiuti, è preferibile portare l’immondizia prodotta direttamente a valle. Così facendo si diminuisce l’utilizzo dell’elicottero, destinato a far ciò, che ha enormi costi ambientali.

L’Ufficio stampa di Legambiente: 0686268353-99


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: