Vanda Bonardo

Home » Territorio » INCONTRO BANCHETTE – SOPRAELEVAZIONE AUTOSTRADA E CENTRALE IDROELETTRICA DEL CRIST

INCONTRO BANCHETTE – SOPRAELEVAZIONE AUTOSTRADA E CENTRALE IDROELETTRICA DEL CRIST

Comunicato stampa

Sopraelevazione-dell’autostrada-e-centrale-del-Crist1L’incontro organizzato martedì 14 gennaio dal Comune di Banchette e dal Circolo Dora Baltea di Legambiente – qualora ancora ci fosse stato il bisogno – ha dimostrato l’assurdità delle due proposte. Preoccupa innanzitutto l’estemporaneità dei progetti, a quanto pare usciti dai cassetti delle società proponenti al di fuori di una razionale pianificazione territoriale. In specifico, relativamente alla sopraelevazione dell’autostrada all’interno del nodo idraulico di Ivrea, non si comprende per quale motivo le istituzioni locali siano state escluse da ogni percorso di condivisione e coinvolgimento. Si tratta di un’opera di notevole impatto ambientale, dai costi elevatissimi, all’interno di un’area estremamente fragile qual è il nodo idraulico di Ivrea. A questo proposito è d’uopo ricordare che interventi di tale portata, dove si rende indispensabile la partecipazione degli enti locali, dovrebbero essere necessariamente messi in capo al soggetto preposto dalla legge a questo scopo, ovvero all’Autorità di Bacino del Po, così come previsto dalla legge 183/89. Pare inoltre poco attendibile il dato riferito alla necessità dell’opera: non si comprende infatti in base a quale valutazione costi/benefici (economica e ambientale) si sia supposto un possibile ritorno positivo per il territorio e le comunità. Molto banalmente occorrerebbe dare una risposta alla domanda sul senso di una nuova un’opera quasi ciclopica, semplicemente allo scopo di evitare la chiusura del tratto autostradale in caso di piena delle Dora. Evento che potrebbe forse accadere un paio di volte nell’arco di un decennio.
In un periodo di crisi e di necessari risparmi, i costi economici di un tale manufatto (seppur ad ora con un investimento privato) paiono poco giustificabili in rapporto ad un eventuale disagio conseguente alla breve chiusura del tratto autostradale. Al di là di un auspicabile approfondimento di quanto elaborato dalla società Hidrodata nel merito del progetto, occorre ricordare che l’esondazione è un fenomeno statico, non dinamico come l’erosione, quest’ultimo quasi sempre pericoloso. Pertanto nei tratti dove l’erosione è pressoché assente, l’esondazione è da salvaguardare, per il beneficio arrecato nella riduzione della piena a valle.
Per quanto concerne la centrale idroelettrica del Crist, sempre alla luce di una corretta valutazione costi/benefici non si comprende il riscontro se non per gli incentivi economici ancora disponibili. Per questo caso come per altri analoghi occorrerebbe una moratoria in attesa di linee guida regionali. Questo fermo si rende necessario al fine di valutarne l’impatto ambientale nel suo insieme e in relazione a tutte le altre captazioni già presenti o in fieri sull’asta del fiume,oltre che per il cambiamento di regime del fiume Dora Baltea. Infatti esso, a causa dei cambiamenti climatici,tende a passare da un regime prettamente fluviale ad uno più torrentizio e quindi con continue variazioni, determinanti per il deflusso minimo vitale oltre che per il regime ecologico del corso stesso.

Vanda Bonardo
candidata al Senato per Sinistra Ecologia e Libertà
responsabile ambiente/territorio Sinistra Ecologia Libertà Piemonte


1 commento

  1. […] INCONTRO BANCHETTE – SOPRAELEVAZIONE AUTOSTRADA E CENTRALE IDROELETTRICA DEL CRIST […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: